Sicilia
News Video Eventi Cinema Magazine Web e Aziende Hotel Agriturismo B&B Case Vacanza Viaggi Ristoranti Foto Immobiliari Lavoro

statuto siciliano: la controriforma anticostituzionale

6-mar-2004

Avremo, dunque, uno Statuto regionale riformato o “controriformato”?

A leggere delle solenni impuntature del Presidente della Regione che insiste sul richiamo alle “radici cristiane” e le accondiscendenti dichiarazioni di qualificati esponenti dell’opposizione, “laica” e di sinistra, parrebbe proprio che dalla Sicilia, ancora una volta, verrà un segnale di oscurantismo giuridico e culturale, per altro in contrasto evidente con lo spirito e con la lettera della vigente Costituzione italiana e di quella, in itinere, dell’Unione europea.

Sotto questo profilo, potremo avere una Sicilia che si pone fuori dei contesti costituzionali italiano e europeo?

Il pericolo esiste e si configura come un’assurdità giuridica che, a lungo andare, potrebbe modificare la fonte della legittimazione del potere che, come nei paesi islamici, non è derivata dal popolo sovrano, ma dalla religione di Maometto.

Tale “richiamo” verrebbe addirittura inserito nel preambolo del nuovo Statuto, come se - ricorrendo a tale espediente - si possano mettere in discussione principi e valori di altissima civiltà giuridica come quelli che informano la costituzione italiana della quale lo statuto siciliano è parte integrante.

Per altro, il preambolo, oltre ad essere discriminatorio sul terreno culturale e confessionale, è fortemente riduttivo, poiché restringe lo spettro delle potenzialità multiculturali da porre al servizio del progresso della Sicilia.

Estrapolando la questione religiosa, che merita una considerazione più approfondita, il citato preambolo potrebbe, semmai, essere d’ornamento del programma di una qualsiasi Giunta di governo.

A nostro modesto avviso, la cosa più saggia che la speciale Commissione dovrebbe fare è quella di evitare il preambolo e andare dritta ai veri nodi che la riforma dello Statuto impone, tenendo conto del fatto che i siciliani sono stanchi di questa “specialità” pelosa e desiderano diventare, a pieno titolo, cittadini italiani ed europei, in una Regione risanata, efficiente e progredita.

In questa stagione dell’indolenza, segnata da una grave forma di decadenza politica e istituzionale, con un’opinione pubblica distratta e/o preoccupata per gli effetti taglienti della crisi sociale, tutto si può far approvare, con la forza dei numeri, ad un’Assemblea, pomposamente definita come “il più antico parlamento d’Europa”, ma che in realtà si dibatte in uno stato comatoso, forse irreversibile.

Cosa contano le voci dei pochi, anche di quelle più autentiche e coerenti provenienti dal mondo cattolico e cristiano ? Nulla. Specie se c’è l’assenso benedicente di certi settori della gerarchia.

Tranne poi ad accorgersi di avere sbagliato e ingannato quanti, anche in buona fede, hanno creduto alla bontà di certe determinazioni fideistiche che fanno a pugni col buon senso e con la Costituzione e perfino con gli insegnamenti del Cristo dei vangeli, in nome del quale si pretende di fare politica e di governare in Sicilia. Povero Cristo e povera Sicilia!

Ma andiamo alla questione religiosa e soprattutto alla domanda alla quale nessuno dei nostri valenti legislatori ha finora risposto: come si potrà conciliare il richiamo “alle radici cristiane” che, oggettivamente introdurrebbe una caratterizzazione in favore di una specifica confessione religiosa, con l’articolo 3 della vigente Costituzione italiana che dispone, fra l’altro, “tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali…”

Oppure con il primo comma dell’articolo 8 che recita: ”tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge…”

Tutto ciò, senza dimenticare il principio di alta civiltà giuridica e di feconda convivenza civile sancito nel famoso art. 7: “Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani…”

Perciò, la Sicilia, che per fortuna non è un’entità statale sovrana, ma fa parte dello Stato italiano regolato da una avanzatissima costituzione (di cui lo Statuto regionale è parte integrante), non può legiferare in difformità dai precetti costituzionali, soprattutto in materie così delicate.

Per altro, tale pretesa andrebbe a cozzare con quanto disposto al punto “c” dell’art. 117 della costituzione che attribuisce esclusivamente allo Stato la potestà di legiferare in materia religiosa “Lo Stato ha legislazione esclusiva nelle seguenti materie…rapporti tra la Repubblica e le confessioni religiose.”

Agli arditi neodemocristiani (ma anche agli impacciati rappresentanti della sinistra) bisogna ricordare che questa civilissima Costituzione, laica e democratica, non è uscita dalla fucina di un covo di marxisti atei e “mangiapreti”, ma è la risultante di uno sforzo unitario (non consociativo) fra i cosiddetti padri nobili della Repubblica fra i quali, a fianco delle più eminenti personalità dell’antifascismo di sinistra e liberale, spiccano i fondatori della DC: da Luigi Sturzo ad Alcide De Gasperi, da Aldo Moro a Dossetti, dal siciliano Gaspare Ambrosini al piemontese Oscar Luigi Scalfaro, ecc, ecc.

Nei prossimi giorni si andrà a decidere su tale delicata materia. Il dato che più inquieta non è tanto la caparbia insistenza di taluni esponenti politici (che forse agiscono per deviare l’attenzione dei siciliani) quanto il silenzio, quasi totale, del ceto intellettuale isolano che pure avrebbe qualcosa da dire su tale discutibile pretesa, contro o anche a favore.
Agostino Spataro

* Pubblicato in “La Repubblica” del 3 marzo 2004

Letture: 11227

Commento di Calvagno del 13 mar 2004

Lo Statuto Siciliano e' nato un anno prima della Costituzione italiana ed e' stato integrato illegalmante ad essa.
Lo Statuto Speciale e' stato concesso ai siciliani affinche' cessassero le ostilita' tra gli Indipendentisti (EVIS) e
le forze dell'ordine e dell`Esercito Italiano. La stessa illegalita`e`stata perpretata nel 1860 con lànnessione.
Anche allora si diceva che dopo lànnessione ci sarebbero stati dei miglioramenti, ma le vessazioni aumentarono e i siciliani emigrarono in massa.
Dopo l``
imbroglio elettorale tra Monarchia e Repubblica la Sicilia ebbe una ulteriore decadenza e la Mafia divento`padrona.
Con lÙnione Europea si vuole completamente cancellare la Sicilia ed i Siciliani, prego accomodatevi!
Ma vi rendete conto di quello che commentate quando i siciliani vogliono mettersi la testa fuori dellàcqua?

Commento di francesco pace del 13 mar 2004

Concordo pienamente con il contenuto della news e mi sembra che già il titolo stesso "la controriforma anticostituzionale" sintetizzi felicemente il disvalore che verrebbe a connotare il nuovo statuto.
Mi associo al disgusto di tanti veri siciliani, tanto dissimili da coloro che ancora pensano che blandire e solleticare le tendenze più retrive della Chiesa, possa costituire un valido sostegno per la politica di sempre.
Con molto fastidio, noto di non essere affatto rappresentato, come siciliano inserito culturalmente nella realtà dei tempi odierni, da personaggi politici che per me rappresentano ancora il medioevo oscurantista.

Commento di Franco Bognetti del 25 apr 2004

Agostino Spataro mi trova pienamentedaccordo, con la sua analisi, e ora di un serio e profondo rinnovamento di mentalità, ancor prima di scrivevere nuove regole.
Fin che continua la diffusa storica, litigiosità, che secondo me, fa parte del dna di ogni siciliano, non avremo mai alcun progresso sostanziale.
Fin che al primo posto, non sarà messo la Sicilia, tutto sarà inesorabilmente inutile.
Occorre uno statuto moderno, adeguato ai tempi, basta campanellismo, piacia o no, la UE è una realtà sempre più indispensabile per moli fattori di sviluppo socio-economico.
La più grande pecca che potrebbe succedere è proprio la smania di conservatorimo, che alcuni professano, di cui mi astengo di darne una appropriata definizione.
Sicilia, la più grande Isola del Mediterraneo la più in tutto,anche in cervelli, è stata ridotta piuttotto maluccio fin ora !
Possiamo sperare in un riscatto ?
Non sarebbe un miracolo, ma solo una sua meritata attribuzione.

Franco Bognetti

Commento di Franco Bognetti del 25 apr 2004

Euro Mediterraneo Arcobaleno O.N.L.U.S. Cult. Tur. Sportiva, di RAGUSA., Affiliata U.I.S.P. - A.R.C.I. - C.O.N.I. - A.C.I. - Movimento dei consumatoti.
Dopo alcuni anni di ricerhe, abbiamo finalmente raggiunto lo scopo prefissato.

Un nuovo sistema associativo, efficace, equo, trasparente, di vero sviluppo socio-economico.

Messo in atto a titolo sperimentalea dato risultati molto superiori alle aspettative, sarà una benefica rivoluzione.
Chi ne volesse sapere di più !
No è il solito slogan ! ma una realtà.

Commento di marco malenchini del 01 lug 2004

Cosa dire! VIVA LA SICILIA LIBERA ED INDIPENDENTE.
speriamo che i siciliani un giorno si sveglino e riacquistino la dignità.

Commento di marco malenchini del 01 lug 2004

dimenticavo, l'ultima dominazione è stata sicuramente la peggiore.
a tutti i siciliani, non dimenticate che il 17 Giugno è festa nazionale,
per chi non lo sapesse, si onarano i caduti dell'EVIS.


AUTENTICATI o REGISTRATI (box in alto a destra) per COMMENTARE L'EVENTO

Username Password  
 
Registrati | Non ricordi la Password?
ULTIM'ORA Siciliano.it su Facebook Siciliano.it su Twitter
11:31 | licata, svanita nel nulla paola casali. da tr...
11:31 | licata, strage di cani: l’associazione a test...
11:31 | beni confiscati alla mafia – appello di a tes...
11:31 | l’abuso è ancora di casa
11:31 | grotte, stasera la lirica sotto le stelle del...
11:31 | di rosa anticipa tutti e presenta il contratt...
11:31 | licata, pino montana (forza italia – udc): ri...
11:31 | licata, ecco l’osservatorio antiviolenza: tut...
11:31 | walk in progress: 400 piedi per smuovere le c...
11:26 | furto al centro commerciale di villaseta: in ...
11:26 | campobello, gianni picone scrive ai suoi conc...
11:26 | palma, alla d’arrigo – tomasi la scuola ini...
11:26 | ravanusa, i lavoratori dell’ipab chiedono di ...
11:26 | naro, l’assessore schembri replica a scanio: ...
11:26 | licata, il consiglio sconfessa l’amministrazi...
11:26 | naro, l’opposizione bacchetta cremona: la cit...
11:26 | arnone spiega il suo de bello fonzico
11:26 | elezioni amministrative entro la fine dell’an...
11:25 | lampedusa, rubano auto a noleggio e guidano s...
11:25 | palma, alla d’arrigo – tomasi la scuola ini...

04:08 | Video | meteo sicilia del 24/06/2013
01:24 | Video | stra avis città di cattolica eraclea
20:54 | Video | sindaco zambuto passa al pd con renzi a...
15:39 | Video | "facce di tolla", i politici italiani fi...
13:38 | Video | meteo sicilia del 23/06/2013
12:54 | Video | tripoli, ola la bambina soldato jihadist...
11:09 | Video | web, il magistrato cantone: "regole per ...
09:39 | Video | libri, teodori: 'in 'vaticano rapace' ra...
05:39 | Video | stupor mundi" n°93, lu primu tiggì 'n li...
04:08 | Video | meteo sicilia del 23/06/2013

Aggiungi Sito Web, Evento, Articolo, Azienda, Hotel, Agriturismo, B&B, Casa Vacanze, Viaggio, Ristorante, Foto, Video, Annuncio Immobilare, Annuncio di Lavoro


© 1995-2020 Studio Scivoletto 01194800882 - Note Legali, Privacy, Cookie Policy. Thumbnail Screenshots by Thumbshots

Limitazione di responsabilità - Con riferimento ai documenti e ai link disponibili su questo servizio, nè Studio Scivoletto, nè i suoi dipendenti forniscono alcuna garanzia, implicita o esplicita, nè si assumono alcuna responsabilità legale riguardante l'accuratezza, la completezza o l'utilità di tali informazioni. Studio Scivoletto declina ogni responsabilità per tali contenuti o per il loro uso